Vendere Online Senza Partita Iva?

Vendere online senza partita Iva è una attività che si può fare e che in Italia è prevista in particolari casi e con alcuni limiti. Bisogna quindi capire come si èossa farlo e dentro quali limiti.

L’attività di vendita onLine (e-Commerce) può essere sia di tipo occasionale o di tipo professionale e abituale all’interno di una attività d’impresa. 
A seconda del caso in cui ci troviamo, gli adempimenti per l’avvio di attività e i risvolti fiscali sono differenti.

Vendere online senza partita Iva: si può?

Per il nostro sistema fiscale si può vendere on-line senza partita Iva, ma solamente quando l'attività ha un carattere di occasionalità. (art. 67 lett. i) del D.P.R. n. 917/1986 )

Bisogna quindi identificare il perimetro entro il quale una attività possa essere considerata occasionale. A volte non è semplice distinguere un’attività occasionale da una abituale, in quanto non vi sono specifici limiti di importo da prendere a riferimento, o un numero specifico di azioni  che devono essere svolte per configurare l’attività come abituale: la stessa agenzia delle entrate ha chiarito che la qualifica di imprenditore può determinarsi anche dall’effettuazione di un solo affare, in considerazione della sua rilevanza economica e del numero elevato di operazioni che il suo svolgimento può comportare.

Per essere considerata occasionale, l’attività deve essere effettuata in modo accidentale, sporadico, non organizzata e non deve essere svolta con continuità nel tempo

Prima di tutto, una attività occasionale non può avere un catalogo così come l’attività “occasionale” di cessione di beni non può essere supportata da attività di creazione di un sito di vendita on-line. E' ben chiaro infatti che organizzare un sito eCommerce per vendere online non è certo una attività non organizzata oltre al fatto che la sua implementazione richiede un buon numero di operazioni.

L'attività occasionale non può essere supportata da alcuna attività di promozione. Avviare campagne marketing, creare inserzioni o fare promozione poco si prestano ad una attività che non sia pensata per durare nel tempo e quindi svolta con continuità.

L'attività occasionale inoltre non può essere supportata dall'acquisto merci per la successiva rivendita al consumatore: in questo caso è totalmente assente l’occasionalità della prestazione! 

Sfatiamo anche mito: non esiste alcun “fatturato” minimo sotto il quale l’attività di compra vendita di beni on-line si possa considerare occasionale
Non esistono dei limiti precisi stabiliti dalla legge al di sotto ed al di sopra dei quali è obbligatorio o meno aprire una partita IVA. I famosi “5.000 euro” si riferiscono invece al lavoratore autonomo occasionale ovvero chi si obbliga a compiere, dietro corrispettivo, un'opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione, ne' potere di coordinamento del committente ed in via del tutto occasionale.

Il trattamento fiscale della vendita occasionale

Da un punto di vista fiscale il trattamento delle attività commerciali svolte in maniera occasionale è disciplinato dall’ art. 67 del Tuir (D.P.R. n. 917/1986): in particolare la lettera i) prevede che siano inclusi tra i redditi diversi quelli derivanti da attività occasionali non esercitate abitualmente.
Pertanto sarà necessario dichiarare i redditi percepiti nel corso dell’anno da tali attività compilando il quadro RL (rigo RL14) del modello Unico Persone fisiche o, in caso di presentazione del modello 730 il quadro D (rigo D5), con la possibilità di computare in diminuzione del reddito percepito le spese sostenute (purché siano documentate ed inerenti).

 


Oltre 1252 Aziende associate
Più di 375 Certificazioni
Da più di 14 anni nel settore
Sono 1062 i negozi

AICEL Informa

Notizie e Informazioni dall'Associazione. Ecco le ultime notizie pubblicate
Nuova Riforma del Codice del Consumo

Nuova Riforma del Codice del Consumo

Dal 1° gennaio 2021 è entrata in vigore la Nuova Riforma del Codice del Consumo

Scopri di pIù
Obbligo di Etichettatura ambientale per imballaggi

Obbligo di Etichettatura ambientale per imballaggi

A partire dal 1 gennaio 2022 anche nel nostro Paese entrerà in vigore l’obbligo di etichettatura ambientale per tutti gli imballaggi

Scopri di pIù
Cookie banner – Requisiti e come crearne uno

Cookie banner – Requisiti e come crearne uno

Il 10 Gennaio è il temine ultimo per adeguare il Banner Cookie alle linee guida del Garante. Disponibile la Guida per la corretta creazione del Cookie Banner

Scopri di pIù
Finanziamenti e Bandi aperti

Finanziamenti e Bandi aperti

Scopri di più
Formazione AICEL

Formazione AICEL

Scopri di più
Sala stampa

Sala stampa

Scopri di più
Come fare per

Come fare per [Guide]

Scopri di più
© Aicel - Associazione Italiana Commercio Elettronico C.F. 93022240175 | Cookie Policy | Privacy